Stipel e la prima telefonata obbligatoria

quos provident, fugit

1925 - 1964

Stipel e la prima telefonata obbligatoria

La rete telefonica fu riorganizzata dal gabinetto di Benito Mussolini nel 1925, e la società Stipel fu fondata nello stesso anno. Il nucleo originale di Telecom Italia era composto da quattro società: TIMO, Teti, TELVE e SET. Ognuna di esse lavorava in una specifica area geografica. [6] Questo gruppo di società si fuse nel 1964 per formare un'unica entità conosciuta come SIP.

1964 - 1994

SIP Società Italiana per l'Esercizio Telefonico

Nel 1964, la Società Idroelettrica Piemontese (SIP), ex azienda energetica fondata nel 1918, smise di produrre energia e acquisì tutte le compagnie telefoniche italiane, rinominandosi SIP - Società Italiana per l'Esercizio Telefonico. Era supervisionata dal Ministro delle Finanze italiano. Dal 1964 al 1996, la SIP era un monopolio di stato, e gli italiani dovevano pagare il Canone Telecom (un canone di affitto della linea di circa 120 euro all'anno, più il costo dell'hardware e altri costi minori) per avere un telefono a casa.

1994-2005

Telecom Italia, Telecom Italia Mobile e servizi DSL

Telecom Italia nasce ufficialmente il 27 luglio 1994 dalla fusione di diverse società di telecomunicazioni tra cui SIP, Iritel, Italcable, Telespazio e Sirm (società di proprietà della STET). Ciò in seguito ad un piano di riorganizzazione del settore delle telecomunicazioni presentato dall'IRI al Ministro delle Finanze. Nel 1995, la divisione di telefonia mobile fu scorporata come TIM (Telecom Italia Mobile). Viene creata Interbusiness, la più grande rete Internet italiana, e nello stesso periodo con TIN (Telecom Italia Net) e i primi ISP, l'accesso a Internet diventa una realtà in Italia.

Telecom Italia ha acquisito e Virgilio da Telecom Italia Media nel 2005, a seguito di una riorganizzazione delle attività editoriali.

Nel 2001, l'azienda era diventata insolvente ed è stata acquistata da Marco Tronchetti Provera. L'anno successivo il gruppo lancia in Italia Alice ADSL, un servizio DSL Flat con una velocità di download di 32 kbit/s e una velocità di upload di 8 kbit/s per 40 euro/mese più una tassa mensile di 14,57 euro, il Canone Telecom, oltre alle bollette mensili obbligatorie per i numeri telefonici di casa (per il servizio ADSL era richiesto un numero telefonico di casa). Telecom Italia Media, la società multimediale del gruppo, è nata nel 2003 da Seat Pagine Gialle, concentrandosi inizialmente sulla televisione con i canali La7 e MTV.

1

Il Gruppo Telecom Italia è presente anche in Sud America, con TIM Brasil in Brasile e il Gruppo Telecom Argentina in Argentina e Paraguay. La sede locale di TIM Brasil è a Rio de Janeiro. Telecom Italia possedeva anche una partecipazione del 50% nella società di telecomunicazioni boliviana Entel fino a quando il governo boliviano l'ha nazionalizzata nel 2008.

2

Telecom Italia ha riportato debiti crescenti nel 2005, e l'amministratore delegato Marco Tronchetti Provera si è dimesso un anno dopo. Telco, un consorzio di Telefónica e diverse banche italiane, ha acquistato la società nel 2007. Telefónica possedeva il 46% di Telco, la holding che controllava il 22% di Telecom Italia.

3

Telefónica ha annunciato alla fine del 2013 che intendeva acquisire la totalità di Telco entro gennaio 2014, diventando potenzialmente il maggiore azionista di Telecom Italia. Il piano, tuttavia, è stato contestato dall'autorità brasiliana per la concorrenza perché Telefónica e Telecom Italia sono le due maggiori compagnie telefoniche in competizione in Brasile, rispettivamente con Vivo e TIM.